L’Africa punta a quota 65 miliardi

A tanto ammonterà, nel 2018, il giro d’affari (espresso in dollari) del mercato delle telecomunicazioni sub-sahariano, secondo gli esperti di Analysys Mason. A fare la parte del leone sarà il settore mobile, capace di crescere al ritmo del 6,7% ogni anno.

Il giro d’affari complessivo. Quanto varrà nel 2018, in termini di fatturato, il mercato delle telecomunicazioni dell’Africa sub-sahariana? A questa domanda ha provato a rispondere Analysys Mason, con un report che guarda al prossimo triennio, cercando di immaginare i trend di sviluppo di rete mobile e fissa nel continente. La risposta è 65 miliardi di dollari, con un tasso annuale di crescita del 6%, il più alto al mondo. Il continente, quindi, arriverà a rappresentare il 3,6% di tutto il giro d’affari globale delle telco (nel 2013 era al 2,9%). A rendere possibile questo “boom” contribuiranno una serie di fattori, tra cui il rafforzamento e l’ampliamento della rete 3G, che raggiungerà anche aree del continente attualmente non servite, e la diffusione sempre crescente degli smartphone low cost, accessibili anche alle fasce più povere della popolazione.

Il contributo del mobile. Il contributo maggiore alla crescita del giro d’affari delle telco lo offrirà il settore mobile che, sempre nel 2018, raccoglierà l’89,4% di quei 65 miliardi di dollari, con un trend di sviluppo del 6,7% su base annua (quello dei servizi a rete fissa, invece, sarà solo dell’1%). Più nello specifico, il vero elemento trainante sarà il traffico dati: +19,6% l’anno, contro un modesto +4,7% del traffico voce. Unico elemento d’ombra in questo successo sarà, sempre secondo i calcoli degli esperti, la diffusione delle connessioni veloci. Nel 2018, infatti, il report di Analysys Mason ipotizza un tasso di penetrazione del 26% per il 3G e di solo il 4,7% per il 4G.

Un mercato attraente. Le enormi potenzialità di crescita che lo studio mette in evidenza rappresentano un forte attrazione per tutti gli operatori delle telecomunicazioni. Il mercato africano può davvero rivelarsi un mercato profittevole, visti gli ampi spazi di crescita. Non mancano, però, le sfide, che sono soprattutto sul versante normativo ed infrastrutturale. Per liberare le sue capacità di sviluppo, infatti, l’Africa ha bisogno di investimenti che permettano di superare le attuali barriere digitali e dar vita ad una connettività davvero inclusiva.