Le infrastrutture TLC in Africa, il report di Many Possibilities

Steve Song, autore del blog “Many Possibilities”, dedicato al mondo delle telecomunicazioni in Africa, ha pubblicato il report 2015 sullo stato delle infrastrutture delle TLC nel continente. Un lavoro di raccolta dati e loro interpretazione che punta a colmare un vuoto informativo sul tema. 

Il report di Many Possibilities

Many Possibilities è un blog dedicato ai grandi temi del settore delle telecomunicazioni in Africa. Per il secondo anno consecutivo il suo autore ha cercato di raccogliere in un report sintetico tutti i dati disponibile sullo sviluppo delle infrastrutture tlc nel continente, al 31 dicembre 2015. Il risultato è un lavoro approfondito, un testo ricco di dati, supportato da tabelle dettagliate, che lungo i suoi sette paragrafi tenta di offrire una foto dell’attuale stato delle varie reti: cavi sottomarini, dorsali terrestri, network metropolitani, wi-fi.

In chiusura, un passaggio dedicato agli operatori del settore, con la notazione che sempre più spesso il business delle tlc si sta aprendo alla presenza di player provenienti da ambiti limitrofi: è il caso di Google, colosso tecnologico, o delle imprese che si occupano di energia.

La rete terrestre e quella sottomarina

Molto interessanti i dati che emergono dal report riguardo lo sviluppo dell network sottomarino e di quello terrestre. Per quanto riguarda i cavi che corrono sotto i fondali oceanici, il 2015 ha fatto segnare una notevole vitalità, oltre le previsioni. Tra aggiornamenti delle rotte esistenti e avvio di nuovi progetti, la rete africana ha visto aumentare la sua capacità di decine di terabit. Il trend rivela un crescente ottimismo dell’intero settore.

Parallelamente, l’incremento ha interessato anche le dorsali terrestri, con progetti in ben 19 paesi, per un valore totale di investimenti pari a 730 milioni di dollari. Il settore, inoltre, sta conoscendo sempre maggiore presenza della Cina, che si sta costruendo un ruolo di leadership.