giovanni ottati

Ottati-Assafrica, si apre una finestra per le aziende italiane, ma serve più sostegno

Roma, 18 aprile-“L’Africa non è mai veramente entrata nell’agenda delle imprese italiane. Oggi per la prima volta abbiamo la possibilità di colmare il divario tra la scarna presenza delle imprese dell’Italia rispetto alla presenza in Africa delle imprese di altri Paesi, dalla Cina all’India e alla Turchia, della cui presenza nel continente, per inciso, si parla assai poco.

Di seguito l’estratto dell’intervento di Giovanni Ottati, Presidente di Assafrica & Mediterraneo:

Ma servono gli strumenti: occorre che la Sace sostenga maggiormente le imprese in questo periodo-non solo in Italia ma anche all’estero-. La sua operatività in molti Paesi è oggi fortemente limitata in base al rischio politico rispetto alle opportunità presenti e le banche italiane purtroppo non sono presenti in Africa” ha dichiarato Giovanni Ottati, Presidente di Confindustria Assafrica & Mediterraneo intevenendo alla web conference “Conseguenze economiche e sociali della pandemia in Africa”, organizzata da Africa e Affari lo scorso 18 aprile.

“Penso che l’Africa alla fine sarà il continente che ne uscirà con minori danni. I giovani non hanno alternative ai mercati regionali ed alla diversificazione delle economie” ha detto Vincenzo Ercole Salazar, diplomatico italiano attualmente distaccato in ANCE”. “Ma serve una Cabina di Regia per fare Sistema in Africa” ha sottolineato Emanuela Colombo-Politecnico di Milano.
E contrariamente a quanto si pensa ed a quella di molti paesi occidentali, la leadership africana si è mossa in maniera incisiva e coordinata” ha concluso Massimo Zaurrini-Africa e Affari, che ha moderato il dibattito.

 

Source: assafrica.it