trasformazione digitale

Perché la trasformazione digitale ha trasformato il settore industriale

Si parla di trasformazione digitale quando si indicano tutti i grandi cambiamenti che nel corso degli anni sono stati apportati ad ogni processo umano, grazie all’avanzare della tecnologia digitale.

Le abitudini degli uomini, soprattutto nell’arco dell’ultima decade, sono cambiate moltissimo. E lo sono in egual modo sia nella sfera privata sia nella sfera professionale: in entrambi i casi si possono notare i grandi cambiamenti che la tecnologia ha contribuito ad apportare.

Il lavoro, le aziende, qualunque sia il settore di appartenenza si dirigono sempre di più verso la velocità delle azioni, verso una prontezza di risposta nei confronti dell’esigenza mai vista in altre epoche. È qui che nasce la necessità di creare una risposta in tempo reale, fondamentale per andare incontro ai propri clienti e partner.
Il fattore che rende realmente competitiva un’azienda oggi è la velocità di risposta, la capacità di rendere ogni esperienza immediata e all’altezza delle aspettative.

Se anche pochi anni fa si intendeva la digitalizzazione come un processo possibile ma per pochi, ora è il contrario: è necessario, punto e basta. L’integrazione digitale è quel tipo di trasformazione ormai imperativa per le imprese, per rimanere competitivi sul mercato.

Un tipo di impresa software-defined

In linea generale la modernizzazione imposta dall’era digitale ha spostato l’ago della bilancia verso un tipo di infrastruttura aziendale “invisibile”, facendo sì che il mercato si evolva sempre di più verso applicazioni e tecnologie software.

In larga parte dovuta alla trasformazione digitale, l’esigenza di velocità spingerà molti a implementare un’infrastruttura software-defined. IDC prevede che il mercato del software-defined storage crescerà a un tasso del 13,5% dal 2017 al 2021, arrivando a valere 16,2 miliardi di dollari statunitensi. Secondo il report Predictions 2018 di Forrester, l’infrastruttura software-defined dovrebbe conquistare nel 2018 il predominio. Forrester raccomanda quindi che i carichi di lavoro di produzione vengano gestiti su piattaforme di elaborazione e su storage software-defined.

Nel mondo occidentale, quello della trasformazione digitale, è un processo ormai largamente avviato. L’Italia si trova sulla buona strada, anche se tanto ancora c’è da lavorare a questo proposito. Il report Digital Transformation PACT di Fujitsu indica come circa il 49% delle imprese analizzate abbia ottenuto significativi risultati, mentre il 25% stia implementando progetti di modernizzazione.

Il futuro dell’impresa è alle porte

La trasformazione digitale sta cambiando e cambierà sempre di più il modo in cui le imprese mondiali intendono e mettono in pratica le proprie attività.

L’architettura software-defined è il ponte fondamentale, non solo tra modelli alternativi di implementazione, ma anche tra infrastrutture on-premise e cloud.
Significa che per potere portare il software-defined storage ad, l’IT avrà però bisogno dell’aiuto di tecnologie come l’automazione e il machine learning.

Source: www.01net.it